Strada del Vino di Gallura e Anglona


Denominazione Strada:

Strada del Vino di Gallura e Anglona

Ente Promotore:
-

Enti Partecipanti:
Comuni di Olbia, Santa Teresa di Gallura, Tempio Pausania, Castelsardo, Golfo Aranci, Arzachena, Luogosanto, Aggius, Viddalba, Santa Maria Coghinas, Sedini, Tergu, Bulzi, Perfugas, Luras, Oschiri, Berchidda, Monti.

Descrizione:
Il granitico ambiente della Gallura costituisce il paesaggio vinicolo della parte nord orientale della Sardegna. E’ la terra di un vino d’eccezione, il Vermentino di Gallura premiato dalla Docg nel 1996. Di gran pregio sono, però, anche il Cannonau, il Monica, il Moscato, il Vermentino di Sardegna e il Sardegna Semidano.
L’itinerario si divide fra le principali località del turismo più elegante e i centri vinicoli dell’entroterra. Olbia, annidata nei recessi più suggestivi del suo golfo, vasto ma raccolto, fu fondata forse dai Fenici, o dai Romani, o dai Greci che la chiamarono “felice”. Fu centro notevole anche nel Medio Evo, e oggi si impone come porta principale del turismo sull’Isola. Il golfo di Arzachena intaglia profondamente la costa settentrionale della Sardegna di fronte a Caprera. I suoi dintorni sono ricchi di monumenti megalitici, come le Tombe dei Giganti, con stele e grandi lastre a formare esedre.
Santa Teresa di Gallura, aperta al vento delle Bocche di Bonifacio, fu fondata dal re Vittorio Emanuele I, che le diede il nome della moglie, per controllare il contrabbando e le mosse di Napoleone. Il capoluogo della Gallura interna è Tempio Pausania, “il ricco villaggio con alte case di granito duro e risplendente”.
La Strada interessa, inoltre, la più defilata regione dell’Anglona, al centro del Golfo dell’Asinara. Anche qui acque cristalline e sabbia finissima orlano un territorio di grande varietà orografica tra colline, costoni rocciosi, vallate, lembi di pianura. In mezzo alla ricca vegetazione di macchia, tra salici, querce da sughero, pini, si distinguono i resti di foreste pietrificate. I millenni di storia hanno lasciato su questa terra tracce significative nell’intenso paesaggio.
Particolarmente rilevanti le testimonianze nuragiche, anche all’interno di centri abitati, e suggestivo esempio di architettura romanico-pisana del XIII secolo è la chiesa di Nostra Signora de Tergu, nei pressi di Castelsardo, la città-fortezza prima genovese poi aragonese, arroccata su un erto promontorio. La zona è nota per la Roccia dell’Elefante, un grande masso trachitico che sorge al di sopra di alcune celle di domus de janas.

Prodotti tutelati:
Vermentino di Gallura Docg, Cannonau di Sardegna Doc, Monica di Sardegna Doc, Moscato di Sardegna Doc, Vermentino di Sardegna Doc, Sardegna Semidano Doc.

Comuni coinvolti:
SS - Aggius
SS - Arzachena
SS - Berchidda
SS - Bulzi
SS - Castelsardo
SS - Golfo Aranci
SS - Luogosanto
SS - Luras
SS - Monti
SS - Olbia
SS - Oschiri
SS - Perfugas
SS - Santa Maria Coghinas
SS - Santa Teresa Gallura
SS - Sedini
SS - Tempio Pausania
SS - Tergu
SS - Viddalba

Regione:
Sardegna

Sardegna - Le altre strade:
Strada del Vino di Ogliastra e Barbagie
Strada del Vino di Nurra e Logudoro
Strada del Vino di Gallura e Anglona
Strada del Vino del Sulcis
Strada del Vino del Campidano di Oristano, del Sinis e dei Colli di Arborea
Strada del Vino del Campidano di Cagliari, Sarrabus e Trexenta

Otranto

Hotel La Punta Otranto
Otranto

Otranto.biz Otranto.biz offre una panoramica completa, e sempre aggiornata, sulle novità, gli eventi e le manifestazioni che si terranno ad Otranto nel corso dell'anno. Otranto.biz offre, inoltre, un elenco completo di tutte le strutture turistiche presenti sul territorio ed i relativi contatti.
Vai al sito ...



Le nostre rubriche