Strada del Vino di Montespertoli


Denominazione Strada:

Strada del Vino di Montespertoli

Ente Promotore:
Associazione Strada del Vino

Enti Partecipanti:
Comune di Montespertoli, Consorzio Turistico di Montespertoli.

Descrizione:
Sulle colline tra l’Elsa e l’Arno, ha un percorso stellare, con il centro nella cittadina che le dà il nome. Il microclima, l’esposizione e il terreno rendono la zona particolarmente adatta alla coltivazione della vite. Il primo obiettivo dei viticoltori è la produzione del Chianti, ottenuto con la tradizionale pratica del “governo all’uso toscano”, che conferisce al vino maggiore freschezza, vivacità e rotondità. Un successo è già stato ottenuto con il riconoscimento della sottozona Chianti Montespertoli.

Il Comune di Montespertoli, che si estende su un' area pari a 125,02 kmq., è situato su alcune caratteristiche colline della Toscana centrale facenti parte della zona del Chianti. Il Capoluogo sorge a 257 m. s.l.m., dista 25 km da Firenze ed è posto in posizione equidistante rispetto ai centri turistici di San Gimignano, Siena, Pisa e Volterra. Il paesaggio è assai vario e si presenta come un complesso collinare morfologicamente uniforme, con terreni fertili dal punto di vista fisico e nutrizionale, poiché le tipiche colline della Val di Pesa, costituite da sedimenti marini, sono da considerarsi fra i terreni migliori. Nel complesso si può parlare di un' unità paesistica, di un caratteristico paesaggio chiantigiano che è dato da altitudini relativamente modeste (fino a un massimo di 442 m. s.l.m. della località di Lucardo) e con la diffusione e la presenza dell' olivo e della vite. Il clima del paese, quantunque esposto a tutti i venti, è mite. La continua e aperta ventilazione mantiene l' aria pura e salubre.

Montespertoli, con i suoi vigneti, le cantine e la Mostra del Chianti, è una delle capitali del vino toscano. Sul piano storico del vino, insieme all' olio ed al pane, è uno degli elementi caratterizzanti e più rinomati di tutto il territorio. Il territorio comunale è dotato di un' efficace cartellonistica stradale, di una serie di punti di ristoro localizzati in tutte le frazioni con tipica cucina toscana, di un Ufficio di Informazioni Turistiche (sede della Pro-Loco), di un importante centro turistico-sportivo in località Molino del Ponte, con campo di calcio, campi da Tennis coperti, campo da Calcetto, tiro al Piattello, Palazzetto dello Sport, Piscina, albergo e ristorante. La configurazione del territorio permette l' organizzazione di itinerari culturali tali da coprire più giornate di visita. Di particolare interesse il Museo di Arte Sacra presso la Pieve di San Piero in Mercato e la Pinacoteca A. Bassi in Piazza Machiavelli.

La zona di Montespertoli, dato il clima, l'esposizione e il terreno, è vocata alla coltivazione della vite; possiede una superficie vitata di circa ha 1.600 di cui 1.400 coltivati a DOCG. Attestazioni di ottima zona vitivinicola si possono trovare in testi di giornalisti stranieri come il libro "Vino” di Burt Anderson e "Italiens Grosse Wein” di Jeans Priewe. La produzione annua d' uva risulta essere di ql. 190.000 circa e la produzione di vino di hl. 140.110 di cui 91.152 DOCG.

Il consorzio di tutela operante nel nostro Comune è il Consorzio del Chianti. Sul piano storico e produttivo il vino, insieme all' olio extravergine di oliva di frantoio, è l' elemento caratterizzante e più rinomato di tutto il territorio. La produzione del Chianti è il primo obiettivo dei nostri produttori, ottenuto con la tradizionale pratica del "governo all' uso toscano”; il "governo” conferisce al vino maggiore freschezza, vivacità e rotondità di beva. Con appropriate selezioni delle uve si produce un Chianti destinato all' invecchiamento, adatto a diventare RISERVA, richiesto dai consumatori più esigenti e soprattutto dal mercato estero. I nostri vini bianchi, ottenuti da uve Trebbiano e Malvasia a fermentazione controllata, sono andati sempre migliorando anche per il fatto che negli ultimi anni sono stati impiantati vigneti con vitigni considerati nobili come il Pinot bianco, Chardonnay e Riesling.

Tutto quanto detto sopra vale anche per il VIN SANTO. Nella tradizione campagnola, questo vino occupa un posto importante: è la bevanda delle grandi feste. L' origine del nome è un mistero: si è ipotizzato che possa derivare dall' uso per celebrare la Messa, altri pensano che venga dall' abitudine di pigiare l' uva molto tardi, dopo le feste dei Santi. Con il suo colore giallo ambrato, profumo intenso etereo, sapore vellutato, armonico, con una leggera vane amabile, il Vin Santo può essere abbinato a moltissime specialità dolciarie. Altra produzione importante è IL VINO NOVELLO, molto apprezzato per il suo profumo fresco fruttato e il suo gusto morbido e fragrante. Per i produttori del Comune l' impegno più importante è il reimpianto dei nuovi vigneti. Sarà molto importante sostituire i vecchi vitigni con altri tradizionali, ma ottenuti da selezioni clonali per poter raggiungere un livello qualitativo sempre più prestigioso, soprattutto ora che è stata riconosciuta la sottozona "Chianti Montespertoli”.

1 giugno 1998, giorno storico per i viticoltori di Montespertoli: è stata stappata la prima bottiglia di "Chianti Montespertoli". Infatti il Comitato nazionale vini del Ministero per le politiche agricole, ha riconosciuto con decreto del 08/09/97 la "Sottozona Chianti Montespertoli".

La D.O.C.G. Chianti Montespertoli prevede l' uso di quattro diverse uve tra cui la più importante è il Sangiovese (dal 70 al 100%), che da vita a vini di colore rosso rubino, tendente con l' invecchiamento al granato, dal profumo di frutti di bosco, mammola e dalla buona struttura, elegante vellutato.

Assieme al Sangiovese sono previsti, il Canaiolo (fino al 10%) il Trebbiano e la Malvasia (fino al 10%); possono essere impiegate fino al 10% altre uve tra quelle autorizzate. Sono previste dal disciplinare importanti limitazioni produttive: 80 quintali di uva, uguale a 56 ettolitri di vino ad ettaro, gradazione minima delle uve gradi 11, gradazione del vino al consumo minimo gradi 12 per il vino di annata, 12,50 per la riserva, data di immissione al consumo il 1° giugno successivo alla vendemmia.

Con decreto del 27/09/97 un' altra perla si è aggiunta ai vini di Montespertoti, il "Vin Santo del Chianti Montespertoli D.O.C.", il vino della tradizione di tutti i viticoltori.

Associazione Strada del Vino
Via Sonnino 21 - 50025 Montespertoli - Firenze
Tel. e fax (+39) 0571 657579
email info@chianti-montespertoli.it
www.chianti-montespertoli.it

Prodotti tutelati:
Chianti Montespertoli Docg.

Comuni coinvolti:
FI - Montespertoli

Regione:
Toscana

Toscana - Le altre strade:
Strada Medicea dei Vini di Carmignano
Strada del Vino Vernaccia di San Gimignano
Strada del Vino Terre di Arezzo
Strada del Vino Nobile di Montepulciano
Strada del Vino Monteregio di Massa Marittima
Strada del Vino Montecucco
Strada del Vino di Montespertoli
Strada del Vino delle Colline Pisane
Strada del Vino Costa degli Etruschi
Strada del Vino Colline Lucchesi e Montecarlo
Strada del Vino Colli di Candia e Lunigiana
Strada del Vino Chianti Colli Fiorentini
Strada dei Vini Colli di Maremma
Strada dei Vini Chianti Rufina e Pomino

Otranto

Hotel La Punta Otranto
Otranto

Otranto.biz Otranto.biz offre una panoramica completa, e sempre aggiornata, sulle novità, gli eventi e le manifestazioni che si terranno ad Otranto nel corso dell'anno. Otranto.biz offre, inoltre, un elenco completo di tutte le strutture turistiche presenti sul territorio ed i relativi contatti.
Vai al sito ...



Le nostre rubriche