Strada del Vino e dei Sapori della Sibaritide


Denominazione Strada:

Strada del Vino e dei Sapori della Sibaritide

Ente Promotore:
Associazione Strada del Vino e dei Sapori della Sibaritide

Enti Partecipanti:
Comuni di Corigliano Calabro, Rossano, Sibari, S.Demetrio Crotone, San Giorgio Albanese, Villapiana, Trebisacce, Amendolara, Roseto Capo Spulico, Albidona, Altomonte, San Donato di Ninea, San Sosti, Mottafollone, San Lorenzo del Vallo, Spezzano Albanese, Terranova da Sibari, Tarsia, Oriolo, Rocca Imperiale.

Descrizione:
La Sibaritide Ŕ il cuore storico della Calabria: dalla piana dell'antica Sibari sono partiti non soltanto gli antichi Greci che proprio da qui hanno diffuso la civiltÓ classica in tutta Italia, ma pure i Normanni che hanno costruito alcuni bellissimni castelli nelle colline circostanti. Oggi la Piana di Sibari Ŕ la capitale mondiale della liquirizia e la principale zona di produzione delle Clementine di Calabria. La liquirizia nasce da una pianta che in Calabria chiamano Regalizia e appartiene alla famiglia delle Leguminose.

Oggi il territorio della Sibaritide non vanta vini Doc, ma tocca le zone di produzione di alcuni rossi, bianchi e rosati a Indicazione Geografica Tipica, Esaro e Valle del Crati.
Penisola nella penisola. La Calabria, con i suoi 800 km di coste non Ŕ solo la meta consigliata per gli amanti del mare pulito. Le aree dell'entroterra, oltre a possedere una ricchezza di acque, sono tutelate da parchi nazionali, regionali e svariate oasi: areali assolutamente incontaminati, dove si contano numerose specie vegetali in una natura ancora selvaggia, racchiusa in un paesaggio d'incanto. Dove il tallone si incunea e corre verso gli ambienti caldi della Sicilia, il Parco Nazionale della Sila, cuore verde di questa regione, si estende con il suo comprensorio di circa 16.000 ettari, dividendosi curiosamente in grande e piccola Sila, in una Valle dei Crati (in estensione fino allo Ionio) e in una Valle del Savuto (che scende fino al Tirreno).

Un'antica selva caratterizzava queste zone poco accessibili fino a qualche anno fa.
Oggi suggestive pinete ultracentenarie sono tutelate e fruibili al visitatore grazie a una buona cartellonistica che illustra il bell'andare in questa cassaforte dell'enogastronomia calabrese. Buona la segnaletica che accompagna il visitatore nei dieci itinerari naturalistici e il sentiero didattico che permette una comprensione approfondita delle specie vegetali presenti, ben illustrate con schede monografiche. Interessanti le tappe alle carbonaie, accanto alle quali vi sono ancora i rifugi per i carbonai, e al laboratorio per la lavorazione del latte in cui si ricevono le informazioni necessarie alla trasformazione dello stesso nel Caciocavallo Silano, formaggio vaccino molto delicato oggi tutelato dalla DOP omonima, che valorizza questo prodotto che la tradizione gastronomica calabrese ci fa ereditare direttamente dal Medioevo.

Il Parco, che custodisce un'area interna e di montagna incontaminata (sicuramente fra le meno antropizzate dell'intera penisola) Ŕ chiuso tra due mari e dal verde intenso della pi¨ alta montagna del Meridione, il Massiccio del Pollino, ed assicura alla fascia costiera un clima mite ed incomparabile, frenando le correnti del nord.

Il cuore di questo areale rimane situato sull'altipiano a est di Camigliatello Silano (localitÓ principale per l'accoglienza dei turisti) luogo occupato in parte dal Lago Cecita e dalla selva millenaria della Fossiata, ricchissima di felci, viole, narcisi e sorgenti d'acqua. Qui protagonista Ŕ il pino loricato, un fossile vivente che pu˛ raggiungere anche i nove secoli d'etÓ e si distingue per la caratteristica corteccia a placche.

Alla Sila appartiene una peculiaritÓ, la Riserva Naturale Guidata Biogenetica, denominata I Giganti del Fallisto, la cui missione Ŕ quella di tutelare parte del comprensorio in pineta, nello specifico un lembo di riserva biogenetica, il cui ecosistema viene conservato per la produzione e successiva raccolta di semi da destinare a nuovi impianti boschivi e a studi di carattere genetico. Una pineta fatta di larici ultracentenari nella quale si contano 56 piante di pino laricio (di cui 4 a terra) e 7 di acero di monte, tutte numerate e classificate. Con diametri di fusto anche di 1,30 metri.
Le passeggiate ecologiche sono proposte a piedi, oppure con alcune mountain bike, o raramente a cavallo, ma vi Ŕ la possibilitÓ di essere assistiti da guide locali.


Strada del Vino e dei Sapori della Sibaritide
Associazione Strada del Vino e dei Sapori della Sibaritide
Vicolo I S. Giacomo, 6 - 87042 Altomonte (CS)
Per informazioni:
Tel. 0981/944889 - Fax. 0981/944889

Prodotti tutelati:
Vini: Esaro Igt, Valle del Crati Igt.
Altri prodotti: Clementina di Calabria Igp, Liquerizia.

Comuni coinvolti:
CS - Albidona
CS - Altomonte
CS - Amendolara
CS - Corigliano Calabro
CS - Mottafollone
CS - Oriolo
CS - Rocca Imperiale
CS - Roseto Capo Spulico
CS - Rossano
CS - San Demetrio Corone
CS - San Donato Di Ninea
CS - San Giorgio Albanese
CS - San Lorenzo Del Vallo
CS - San Sosti
CS - Spezzano Albanese
CS - Tarsia
CS - Terranova Da Sibari
CS - Trebisacce
CS - Villapiana

Regione:
Calabria

Calabria - Le altre strade:
Strada del Vino e dei Sapori Lamezia
Strada del Vino e dei Sapori della Sibaritide
Strada del Vino e dei Sapori della Locride
Strada del Vino e dei Sapori del Pollino-Castrovillari
Strada del Vino e dei Sapori del Brutium
Strada del Vino e dei Prodotti Tipici del Mediterraneo
Strada del Vino dei Saperi e dei Sapori
Strada del Bosco e del Vino
Strada dei Sapori Silani
Strada dei Sapori del Poro
Strada dei Sapori del Medio Tirreno Cosentino
Strada dei Sapori Cassiodorei

Otranto

Hotel La Punta Otranto
Otranto

Otranto.biz Otranto.biz offre una panoramica completa, e sempre aggiornata, sulle novità, gli eventi e le manifestazioni che si terranno ad Otranto nel corso dell'anno. Otranto.biz offre, inoltre, un elenco completo di tutte le strutture turistiche presenti sul territorio ed i relativi contatti.
Vai al sito ...



Le nostre rubriche