Strada del Vino Verdicchio di Matelica


Denominazione Strada:

Strada del Vino Verdicchio di Matelica

Ente Promotore:
Comitato Promotore Strada del Vino Verdicchio di Matelica

Enti Partecipanti:
Comuni di Camerino, Matelica, Castelraimondo, Cerreto d'Esi, Esanatoglia, Fabriano, Gagliole; Comunità Montana Alte Valli di Fiastrone Chienti e Nera, Comunità Montana dell'Esino, Consorzio Frasassi, Provincia di Macerata, Cciaa di Macerata.

Descrizione:
Nel cuore delle Marche, partendo dalle Grotte di Frasassi, autentica meraviglia del creato con le sue sale simili a cattedrali del sottosuolo adorne di stalattiti e stalagmiti che si estendono per ben trentacinque chilometri, si dirama la zona dove si produce l'esclusivo Verdicchio di Matelica. Le grotte più famose del mondo sono inserite nel Comune di Genga, piccolo castello medioevale immerso all'interno del vasto Parco Regionale della Gola della Rossa e di Frasassi, dove vale ben la pena addentrarsi.

Si prosegue poi per Fabriano, città in cui già a partire dal XIII secolo iniziò la lavorazione della carta, di cui, viaggiando nel tempo, si possono ripercorrere le origini presso il Museo della Carta e della Filigrana. Tutto il centro storico di questa industriosa città è uno spaccato medievale: la Piazza del Comune, il Palazzo del Podestà, la Fontana Rotonda e il Palazzo Vescovile. In particolare se ci soffermiamo nella caratteristica Piazza del Comune, sarà facile immaginarci l'affaccendato via vai del tempo medievale, in cui il popolo si incontrava per chiacchiere e per affari, in quella scenografica serie di arcate che racchiudono per due lati la piazza.

Continuando il percorso verso sud, attraverso le numerose e rinomate aziende della zona, si arriva a Cerreto d'Esi, anch'essa dominata da una magica atmosfera medievale con la sua Torre di Belisario ed il "labirinto architettonico" del Centro Storico. Dopo pochi chilometri si giunge infine a Matelica, circondata dai numerosi vigneti del noto Verdicchio. Qui si respira un'aria di antica nobiltà: è una città ricca di cultura, come testimoniano Piazza Mattei, il Museo Piersanti, il Museo Civico ed Archeologico ed il Teatro Comunale del Piermarini (stesso architetto della Scala di Milano). Matelica è proprio il cuore della produzione vinicola e sede del Consorzio.

Grande suggestione nel visitatore provoca poi Castelraimondo, con la sua infiorata che, il giorno del Corpus Domini, si staglia per l'antico centro dominato dalla possente torre merlata del Cassero. Prima di giungere alla nobile Camerino, meritano deviazioni enoturistiche Esanatoglia, Gagliole e Pioraco, ove gustare le tipicità locali preparate secondo ancestrali riti, insieme all'unità, ancora intatta, dell'unicum culturale, ambientale e paesaggistico di questi centri.

Il percorso si conclude dunque a Camerino, sede di una tra la più antiche università d'Italia. Caratteristica è la sua impostazione urbana, che risente della sua nascita e sviluppo come Comune (XII e XIII sec: una lunga duplice strada nel centro, una grande cerchia di mura tutt'intorno. Si presenta agli occhi del viaggiatore moderno proprio come doveva apparire al pellegrino dell'Età Comunale e al soldato dell'Età Rinascimentale: una vedetta, un controllore per tutto il territorio circostante. I suoi gioielli sono tutti racchiusi in quel percorso centrale: Duomo, Vescovado, Università. Ma non dobbiamo dimenticare i suoi panorami, che riempiono occhi e cuore di grande bellezza. E' infine la porta d'accesso alla Val di Chienti, altro territorio incantato ricco di meraviglie e luoghi da scoprire.


IL VERDICCHIO DI MATELICA, IL "ROSSO VESTITO DI BIANCO"

CARATTERISTICHE GENERALI
Il Verdicchio di Matelica è stato riconosciuto vino a DOC il 21 luglio 1967, con un anno di anticipo sul cugino Verdicchio dei Castelli di Jesi. Il territorio di produzione comprende il cuore dell'Alta Valle Esina. La disposizione nord-sud di questa valle, diversamente dalle altre valli marchigiane aperte al mare in una esposizione est-ovest genera un clima molto freddo d'inverno e molto caldo d'estate. La vite risponde a queste forti escursioni termiche riducendo fisiologicamente la produzione a vantaggio della fase maturativa. Il risultato finale è un'uva molto ricca di estratti, di aromi primari, di zuccheri e polifenoli; nel vino si traduce in maggiore corpo, un vino bianco a lunga maturazione che addirittura in alcune produzioni si avvantaggia dell'invecchiamento, argomento generalmente vietato ai bianchi, un "rosso vestito di bianco". Nel panorama vitivinicolo nazionale il Verdicchio è uno dei pochi vini bianchi che si può fregiare di una storia enoica completamente autoctona, è un prodotto realmente italiano, di grande spessore, riconosciuto in tutte le guide come grande vino bianco conservatore del vero sapore dei prodotti vitivinicoli mediterranei. Il Verdicchio di Matelica è un grande rappresentante del territorio di appartenenza: racchiude in se il valore ambientale, creativo, storico e sociale della sua terra, è il depliant vivente, è l'espressione più nobile e nobilitante della ricchezza del suo "terroir". Dalla vendemmia 1995 il Verdicchio di Matelica DOC si può fregiare, inoltre, di due menzioni relative a due importanti varianti produttive: "Riserva" e "Passito".

CARATTERISTICHE ORGANOLETTICHE
Aspetto: Brillante, dal colore paglierino tenue con riflessi verdognoli. Tende al dorato con la maturazione, volge all'ambrato nel "Passito". Profumo: delicato con fragranza fresca e resistente di frutta, non completamente matura, e floreale di fiori gialli, acacia e ginestra. Nel "Passito" diventa etereo ed intenso. Gusto: morbido, strutturato corposo sapido e con retrogusto mandorlato. Armonico e vellutato nel "Passito". Gradazione Alcolica: Complessiva minima: 11,5°, "Riserva": 12,5°, "Passito": 15° minimo.

ABBINAMENTI CON I CIBI
Si tratta di un vino dai molteplici accostamenti anche se raggiunge i livelli più elevati con i piatti di pesce. Ottimo con antipasti crudi, con pesci dalle carni saporite e salsate, primi piatti di pesce; lasagne e risotti di mare. Il profumo persistente e fragrante, l'armonia delle componenti, gli consentono numerosissimi altri abbinamenti: con prosciutto di Carpegna, ciauscolo, salame di Fabriano, coppa di testa saporita e fragrante di spezie, carni bianche, minestre e formaggi.


Comitato Promotore Strada del Vino Verdicchio di Matelica
internet: www.stradaverdicchiodimatelica.com
e-mail: sviluppoeconomico@comune.matelica.mc.it

Prodotti tutelati:
Verdicchio di Matelica Doc.

Comuni coinvolti:
MC - Camerino
MC - Castelraimondo
AN - Cerreto D'Esi
MC - Esanatoglia
AN - Fabriano
MC - Gagliole
MC - Matelica

Regione:
Marche

Marche - Le altre strade:
Strada del Vino Verdicchio di Matelica
Strada del Vino Verdicchio dei Castelli di Jesi
Strada del Vino Rosso Piceno Superiore
Strada del Vino Rosso Conero
Strada del Vino Lacrima di Morro d'Alba
Strada del Vino Bianchello del Metauro

Otranto

Hotel La Punta Otranto
Otranto

Otranto.biz Otranto.biz offre una panoramica completa, e sempre aggiornata, sulle novità, gli eventi e le manifestazioni che si terranno ad Otranto nel corso dell'anno. Otranto.biz offre, inoltre, un elenco completo di tutte le strutture turistiche presenti sul territorio ed i relativi contatti.
Vai al sito ...



Le nostre rubriche